La posta del parroco: ultime lettere

La pagina del cuore

C’è un brano del Vangelo a cui sei particolarmente affezionato e che rileggi sempre volentieri? (E. M.)

Si, l’episodio in cui Gesù appare risorto ai suoi apostoli sulla riva del lago. C’è un clima pieno di mistero. Prima arrostisce per loro del pesce, poi chiama Pietro in disparte e gli fa tre domande che toccano il cuore. Da questo brano ho capito che tipo di persona straordinaria era Gesù. Si trova nel capitolo 21 di Giovanni.

Domandona

Perché non ti sei sposato? (Simone Riassetto)

Per essere più libero di poter dedicare il mio tempo a Dio e agli altri. E in effetti è andata così. Ma c’è anche un altro motivo, ancora più importante, è stato perché anche Gesù non si è sposato. Se lui si fosse sposato penso che l’avrei fatto anche io. Non mi sono pentito di questa scelta che mi ha procurato alcune rinunce, ma soprattutto delle gioie grandissime.

Le mie domande

Se fossi stato un discepolo cosa avresti chiesto a Gesù? (M. E.)

Due domande: Gesù, com’era la tua vita prima che venissi sulla terra? Nell’universo che hai creato ci sono altri pianeti abitati?

Apparizioni

Se ti apparisse la Madonna o Gesù cosa faresti, come ti sentiresti? (Arianna M.)

Non so cosa farei, penso che starei semplicemente a guardarli e ascoltarli. Mi sentirei felice e mi chiederei: Perché sono apparsi proprio a me? A dire il vero questa domanda mi fa anche un po’ paura.

Libertà

Alla decisione di prendere la via del sacerdozio come hanno reagito i tuoi genitori? (Una ragazza di seconda media)

Mi hanno lasciato completamente libero di scegliere. Non hanno cercato né di spingermi né di trattenermi, anche se erano dispiaciuti che andassi via di casa. Allo stesso tempo però erano molto contenti della mia scelta. Poi negli anni mi hanno sempre aiutato in tutti i modi possibili. Bravi, vero?

0 Commenti a “La posta del parroco: ultime lettere”


  • Nessun commento

Lascia un commento

Codice di sicurezza: